mercoledì, maggio 09, 2007

Campagna Adv per la nuova FIAT 500

Pubblico qui di seguito un idea di un ragazzo (Paolo Pappalardo) riguardo una proposta di non-conventional Adv, per il concorso per il lancio della nuova Fiat 500. I ragazzi mi hanno scritto chiedendomi un parere in merito, chiedo anche voi di lasciare un commento su questa idea, ecco il Brief:


CONCORSO VOGLIOUNA500.IT per averla basta volerla

RATIONAL:

Esaltare l'italianità della 500 mi sembrava terribilmente scontato. Altrettanto banale mi sembrava parlare dei benefit dell'auto: prestazioni, consumi, sicurezza …non stiamo mica
pubblicizzando un'auto qualunque! Ho voluto esaltare la personalità, il carattere frizzante, lo spirito estroverso della nuova 500 …un auto più da essere che da avere, icona del divertimento e della easy life, una community car con la quale fiat si riavvicinerà ai giovani.

SCRIPT:

Questa è un'idea di viral e guerrilla marketing a costi zero (o quasi). Qualcosa di assolutamente mai visto che coinvolgerà, divertirà, contagerà migliaia di giovani in tutto il mondo.
Tutto parte dall'organizzazione di un concorso per vincere una 500: i partecipanti devono inviare un video in cui mostrano a molte persone la scritta VOGLIOUNA500.IT
Possono scriverla dovunque (su un cartello, sul corpo, ecc) e per attirare l'attenzione di molta
gente possono fare qualcosa di strano come nel video: Claudio va inscooter per la città in boxer e cravatta con la scritta sulla schiena; Paolo va in un affollato centro commerciale in accappatoio, ciabatte e asciugamano in testa con il cartello attaccato al carrello.
Possiamo già immaginare i tifosi allo stadio con un enorme striscione o qualcuno che mostra un cartello tra il pubblico di un programma TV in diretta. Proprio tu che stai leggendo magari stai già pensando a un video divertente da inviare, potresti vincere una 500!
Il vincitore sarà scelto dagli utenti del sito www.vogliouna500.it dove saranno esposti tutti i video. Votando il proprio video preferito si potranno vincere gadget e abbigliamento Fiat (questo incentiverà le votazioni). Ogni partecipante inviterà i suoi amici ad andare sul sito per votarlo. Chi espone la scritta compie un'azione di guerrilla marketing e allo stesso tempo, invitando la gente sul sito, innesca i meccanismi del viral marketing…passaparola, link o addirittura la pubblicazione dei video sul proprio blog come si fa con quelli di youtube. Tutto ciò senza costi per Fiat.
La gente che ha visto Paolo in accappatoio a fare shopping, incuriosita andrà sul sito dove scoprirà l'esistenza del concorso, guarderà i video, linkerà il sito ad amici e con buona probabilità invierà il proprio video.
Ricordiamoci che l'iniziativa è rivolta a un pubblico giovane, estroverso, che ama essere protagonista, mostrarsi su internet (vedi youtube) ed ha mezzi e competenze per registrare un video (anche con il cellulare).
Chi mostra la scritta invita la gente sul sito, ma vogliouna500.it è soprattutto la risposta di Paolo a chi si chiede perchè stia in accappatoio al centro commerciale. Pur di avere una 500 si è disposti a tutto!
L'operazione porterà tantissima gente sul sito dove, naturalmente, ci saranno banner per promuovere la 500 e non solo. Inoltre per votare il video preferito ci si dovrà registrare fornendo dati personali ed email, utili per future azioni di direct marketing.
Si potrebbe proporre il concorso anche fuori dall'Italia, ad esempio in UK,USA eAustralia ci sarebbe iwant500.com, in Francia ci sarebbe jeveuxune500.fr.


Paolo Pappalardo : paolopappalardo@gmail.com

3 commenti:

lucio ha detto...

Bravo! Grande idea! Speriamo che FIAT la prenda in giusta considerazione...500blog

Anonimo ha detto...

un po troppo simile a !italiaaaaaa unooooo" e a disruption di mammuccari dove bisogna inviare un video per farsi prendere nella trasmissione(o almeno così dicono)
non male ma da li a "assolutamente mai vista ce ne passa" =)
ciao!

Anonimo ha detto...

Tutto qui? Sarebbe questa l'idea geniale? Dai gente, aprite gli occhi prima di credervi dei grandi comunicatori. Operazioni simili sono state fatte a gogo.