martedì, gennaio 30, 2007

Marketing Innovativo: il caso di LG


L'azienda coreana ha lanciato ormai da un anno in Francia il primo bar- lavanderia per incontrare nuovi target, fidelizzarli e creare nuova brand experience.

Un cocktail “ che più bianco non si può”, dieci lavaggi e una dose di detersivo: ecco gli ingredienti della trovata di marketing più innovativa dell’anno.

L’ha messa a segno l’azienda di elettronica Lg, che a Parigi ha aperto un bar-lavanderia in cui è possibile fare il bucato gratuitamente, con saponi e lavatrici messi a disposizione dalla multinazionale coreana e- nel frattempo- bere drink che richiamano, con i loro nomi, il mondo delle “machines à laver”.
Il wash bar è diventato uno dei locali più alla moda della capitale francese: tra tavolini e oggetti di design (tutto rigorosamente in bianco e rosso, colori del brand), panni stesi e ceste del bucato, i clienti discutono, partecipano a giochi e lezioni di moda, navigano su internet, guardano la tv e ascoltano musica, naturalmente con prodotti a marchio LG.

L’idea, che alle prime battute potrebbe apparire bizzarra, è frutto di un lungo studio sul cambiamento degli stili di vita e di consumo dei giovanissimi, target a cui si rivolge il bar.

Tutto è partito da una ricerca, che ha evidenziato come l’80% dei parigini trascorre, in una settimana, circa un’ora in un bar e 45 minuti in una lavanderia automatica, mentre tende a fuggire dalle mura domestiche e dalla tv.
Come far conoscere allora a questo target poco attento al tradizionale advertising, i nuovi elettrodomestici, se non attraverso una reale interazione con il brand?

“Il nostro marchio vuole raggiungere il cuore della vita dei ragazzi, puntando proprio sull’ascolto dei loro bisogni latenti. Per questo abbiamo pensato di far testare i prodotti gratuitamente, in un ambiente innovativo- sottolinea Fréderick Lecoq, direttore marketing di Lg France, che non manca di puntualizzare gli obiettivi strategici della multinazionale: diventare entro il 2010 uno dei leader mondiali di elettronica di consumo.
Attraverso la Rete la notizia del wash bar si è diffusa in tutto il mondo, fino alla stessa Corea, dove i giovani hanno espresso il desiderio di iniziative come questa, in grado di offrire un servizio a valore aggiunto e magari di essere il volano per incontri interessanti.


Il Wash-bar
E’ un bar-lavanderia il locale più cool della nightlife parigina. Il design è quello tipico di un bar: tavolini circondati da sgabelli, luci soffuse e, al centro, un grande bancone. L’atmosfera è piacevole e rilassante.
Wash-bar
105-107, rue Oberkampf
M° St Maur ou Parmentier,
Parigi
Aperto dalle 12 alle 2.

Il Marketing Innovativo


Oggi il marketing innovativo può costituire un elemento di vantaggio competitivo per le aziende.

Le imprese si pongono in modi differenti di fronte all'innovazione nel marketing infatti non tutte riescono a capirne l'importanza come già accade in altre paesi del nostro caro pianeta.

La maggioranza delle piccole imprese non hanno competenze di marketing e ritengono che sia di esclusivo appannaggio di quelle di medie e grandi dimensioni e quindi non si pongono nessun problema. Per loro le vendite sono il vero "driver" e quindi vengono privilegiate tutte le azioni che portano ad un loro incremento (promozioni, fiere, brochure e poco più). Solitamente fanno tutto internamente con la collaborazione di fornitori esterni dal ruolo meramente esecutivo.

C'è un buon numero di imprese che fanno buon uso di strumenti di marketing tradizionale, che utilizzano solo quando sono ben consolidati, si avvalgono della collaborazione di agenzie di comunicazione e di marketing, ma accettano proposte che "non escono troppo dagli schemi".

Ci sono le aziende aggressive che hanno una buona propensione alla sperimentazione anche sul versante della comunicazione, si rivolgono alle agenzie di comunicazione e di marketing più innovative e le stimolano ad essere proattive.
Infine esistono poche imprese innovative che creano steering comittee, con un certo numero di consulenti specializzati in innovative marketing, con cui fanno riunioni regolari per monitorare i cambiamenti in atto e sviluppare strategie innovative.

La speranza che oltre alle aziende anche le agenzie e i centri media riescano a percepire che dobbiamo puntare sul marketing innovativo per dare un pò di freschezza al nostra ambiente.

Diesel Jeans : l'innovativo Reality Spot

La Diesel Jeans si è inventata una cosa che potremmo definire "innovativa" , infatti per promuovere una nuova linea di intimo hanno preso due ragazze e un ragazzo e li hanno rinchiusi una settimana in una stanza provvista di telecamera costantemente accesa (Tipo Grande Fratello).

Oltre a poter vedere i tre ragazzi in live streaming, il sito ufficiale permette anche di visionare le migliori pillole (tutte ovviamente già pubblicate su YouTube).

Potremmo dire che è un idea ormai al tempo con i continui reality show che siamo costretti a trovare girando per i nostri canali televisivi.


lunedì, gennaio 29, 2007

Lifeinaclick comunica i risultati dello studio “Il marketing fa sport”



LIFEINACLICK, unica società italiana specializzata in emotional marketing e fotografia sponsorizzata indaga sul marketing sportivo e comunica i dati relativi ai grandi eventi dedicati agli appassionati di sport e realizzati in modo particolare puntando all'utilizzo “dell'immagine fotografica ricordo” per legare i partecipanti e gli sportivi al proprio brand aziendale o al prodotto in oggetto.

Tra le richieste dei clienti l'intenzione di promuovere marchi e prodotti attraverso un media innovativo che valorizzi il brand in rapporto alle emozioni del partecipante e che incrementi il traffico di utenti sul web site aziendale aumentando il numero di contatti reali e di complessiva visibilità, nonché di potenziali clienti.

Le variabili sono infatti controllate grazie alla facile monitorabilità del sistema di dati, suddivisi tra foto scattate, e relativi accessi alla sezione immagini secondo i diversi tipi di download possibili per gli utenti.

I dati di redemption ed efficacia degli aventi analizzati, prendono in considerazione alcuni grandi manifestazioni sportive: dal Tour della Fiamma Olimpica seguito per Coca Cola , alla nona edizione del Yamaha Fes t a Misano, il Samsung Fitness Tour con 18 tappe in tutta Italia, fino al World Gran Prix 2006 di volley e al campionato di Coppa Italia per Lega Basket serie A.

I dati esposti nella tabella mostrano come i metodi prediletti per reperire la propria immagine siano, l'invio tramite e-mail, che permette una circolazione della fotografia resa ufficiale dai loghi della manifestazione e degli sponsor, particolarmente notevole, raggiungendo ulteriori possibili clienti, sportivi e futuri partecipanti a un nuovo evento e, la stampa dello scatto su carta fotografica, inviata a ogni richiedente, metodo che lega ulteriormente il marchio al ricordo-emozione vissuto durante l'evento.

Un altro dato fondamentale, che sancisce la funzionalità del servizio di fotomarketing è da rilevare nell'aumento di accessi web, che in alcuni casi ha fatto registrare elevati consensi e numeri di click totali per la piattaforma web dedicata alle fotografie sponsorizzate: dagli oltre 7.000 click per l'evento Yamaha ai 67.000 contatti unici ottenuti per il Tour della Fiamma Olimpica 2006.

“Il marketing, è costantemente votato verso l'innovazione competitiva, e per questo cerca e sperimenta oggi sempre nuove impostazioni - spiega Andrea Magelli presidente di Lifeinaclick – “La comunicazione acquisisce forme innovative, come quelle relative al brand e all'event management, allargando spesso i propri confini ad altri settori, diversi e spesso apparentemente lontani tra loro, come in questo caso lo sport.

Il settore dell'event marketing sportivo, dimostra oggi, secondo l'esperienza Lifeinaclick di aver raggiunto una condizione “allargata”, intendendo non solo lo sport in senso stretto ma anche le organizzazioni che si trovano frequentemente a operare all'interno della cosiddetta “convergenza sportiva”, quali i produttori di abbigliamento e attrezzature sportive, i vari media più o meno nuovi, le imprese in cerca di comunicazione innovativa tramite sponsorizzazioni e altre forme di co-marketing con lo sport e, le stesse organizzazioni pubbliche, che tramite lo sport cercano di attivare un marketing territoriale di visibilità e accreditamento.

Tornando al servizio in sé vediamo quindi come tra le modalità di reperimento delle immagini vince l'invio tramite e-mail, per il quale non è necessaria la registrazione alla pagina web e che consente di spedire le proprie immagini ad amici a conoscenti tramite posta elettronica; seguono la stampa gratis e il download in alta risoluzione.

In totale le foto scaricate e inviate dimostrano, nel 90% dei casi, come ogni utente singolo abbia effettivamente ordinato o scaricato la propria immagine, o meglio in media circa 1,4 immagini e 2,07 foto mail. Le redemption calcolate sulle immagini richieste si attestano in un range che va dal 40 ad oltre il 130% per le richieste via mail che in molti casi presentano invii multipli e, dal 30 all' 85% considerando download e stampa gratis, numeri interessanti che confermano l'efficacia e la monitorabilita del servizio.

Lifeinaclick società specializzata in emotional marketing e fotografia sponsorizzata indaga sul marketing sportivo realizzato oggi in gran parte proprio grazie a grandi eventi dedicati agli appassionati di sport, dal motociclismo al fitness, dal volley al basket, ma sempre inteso come forte operazione di brand marketing. Il servizio permette infatti ai partecipanti gli eventi di essere fotografati in situazioni curiose e divertenti durante l'evento stesso, accanto a personaggi vip, location particolari, momenti di sport e attività, per riceve poi, subito dopo lo scatto un flyer contente i codici di identificazione che permettono di accedere ad un'area web riservata, sul sito della manifestazione e scaricare le proprie immagini, complete di cornice personalizzata dell'evento, loghi degli sponsor e brand presenti, legando per sempre il ricordo di quell'emozionale al marchio aziendale.

Dott.ssa
Viviana Marino
Ufficio Stampa
vmarino@pnl.it

PNL Group
Via Correggio, 69
20149 Milano
tel. + 39 0248954623
fax + 39 0270059902
http:// www.pnl.it

Case history: Daihatsu


“Daihatsu Motor Company ha diffuso i dati sulle vendite del 2006, nel mercato interno e in quello mondiale. L’analisi delle cifre mostra un trend di crescita del 6,2 % rispetto al 2005. Una tendenza che prevede di mantenere, nella sostanza, anche per il 2007. In dettaglio, nel 2006 Daihatsu ha venduto in tutto il mondo 951.000 vetture, 620.000 veicoli in Giappone, e 331.000 nel resto del mondo. Ma il dato eccezionale è quello delle vendite di Daihatsu Italia, che mostra una crescita del 62%, dalle 6.152 unità vendute dal 2005 alle 10.000 del 2006, una soglia storica superata già dal 18 dicembre. L’evento è ancora più interessante se si considerano le immatricolazioni degli ultimi 10 anni. Nel 1996, l’anno delle prime importazioni di automobili, Daihatsu vendeva in Italia 509 unità, circa il 5% di quelle attuali. Il risultato premia l’affidabilità, la sicurezza, l’innovazione tecnologica delle vetture, e anche l’impegno, la professionalità e la passione di tutta la rete di vendita.” (fonte: Daihatsu).

È davvero incredibile il risultato maturato nel corso del 2006 da parte di Daihatsu, casa automobilistica giapponese, controllata dal 1999 da Toyota, presente in Italia da soli 10 anni.
A sentire Enrico Bertolini, direttore generale di Daihatsu Italia, l’obiettivo di 10000 auto vendute è stato raggiunto un anno prima di quanto programmato e per il 2007 è prevista una ulteriore crescita del 35%.(Gente Motori, Febbraio 2007).

Eccellente la strategia comunicativa, basata principalmente sulla stampa: una sorta di brochure di 8 pagine, che illustra in maniera completa la storia, la gamma, gli eventi, la rete distributiva e tutto quanto concerne l’universo Daihatsu, pubblicata su tutte le riviste specializzate in via continuativa e sulle riviste (magazine e periodici) più vicine al target Daihatsu. Eccellente in quanto un recente sondaggio effettuato da AlVolante ha dimostrato come “la maggioranza degli intervistati (61%) si affida proprio a riviste specializzate nella ricerca di informazioni utili, e solo il 6% dichiara di farsi influenzare dalla pubblicità televisiva”.

Da un punto di vista stilistico più che da un punto di vista tecnico: la ricerca di un’immagine forte, con modelli carichi di personalità (Copen, Trevis e Materia in particolar modo) ha catalizzato l’attenzione dei media, che sempre più spesso parlano sulle riviste delle piccole auto giapponesi: possono piacere o no, ma si fanno notare. In Italia è difficile conseguire un buon risultato di vendita se si trascura il design: Dacia Logan, ad esempio, è stata un flop commerciale, a fronte del prezzo d’acquisto estremamente positivo, pagando dazio proprio da un punto di vista dell’immagine. Mazda e Suzuki si stanno rilanciando puntando principalmente su stile (e comunicazione).

IL COCCODRILLO VERDE SIMBOLO DEL TENNIS E DEL MARCHIO INVENTATO DA RENE' LACOSTE


Voglio dare uno spazio nel mio blog a questo marchio, forse tra i primi a comparire sulla t-shirt o le polo e probabilmente uno dei primi marchi che grazie alla sua diffusione ha iniziato a veicolare il proprio nome tramite le t-shirt vendute in tutto il mondo.
La storia della Lacoste, è molto conosciuta anche in Italia. Ex tennista francese, Renè Lacoste, deve il suo soprannome “coccodrillo” ad una scommessa fatta in campo: se fosse riuscito a vincere una determinata partita avrebbe anche vinto una valigia in pregiato coccodrillo.

La bravura e la personalità di Renè Lacoste non solo non passarono inosservate ma la storia della scommessa gli valse il soprannome “coccodrillo”. Anni dopo, insieme ad un socio, iniziò a produrre magliette con il suo nome e il simbolo del coccodrillo in bella vista.

Dopo aver colorato i campi , il marchio entra a far parte del tempo libero e della vita quotidiana con accessori pratici e utili.

Oltre alla classica collezione di tute, completi, scarpe e accessori per chi pratica il tennis, il marchio francese Lacoste affianca quattro linee di borse adatte a tutte le ore del giorno sempre contraddisrtinte dal mitico “coccodrillo”.

FOR MEN: ‘Office backpack per i giovani businessmen sempre in movimento.Ultra-soft e super imbottito da portare sia in spalla grazie agli spallacci, sia a mano grazie ai manici rifiniti in pelle. Comparti multipli con porta PC imbottito, spazio organizzato con profili in pelle per le penne, il cellulare e l'iPod. Ampia tasca frontale con chiusura a magnete invisibile e utile tasca sul retro nascosta. Logo Lacoste frontale in rilievo. – ‘Square messenger bag' assolutamente indispensabile per gli spostamenti in bicicletta o in m otorino. Tracolla regolabile, interni con elastici porta penne, tasche porta cellulare e iPod e cordino portachiavi interno. Chiusura con magneti invisibili. – ‘Toilet kit' per portar con sé tutto il necessario per la propria cura. Elastici interni bicolour per mantenere ordinati i prodotti. Logo Lacoste in rilievo. – ‘Vertical bag' da portare a mano o con comoda tracolla regolabile. Ampio lo spazio interno con suddivisione per penne, iPod e cellulare. Ideale per chi ama vivere con energia e grinta il lavoro di tutti i giorni. – ‘Messenger bag' over-large per inserire libri e documenti. Tracolla regolabile tono su tono e dettagli in pelle. Spazio interno per cellulare e palmare, elastici interni porta penne e cordino portachiavi attaccato alla fodera. Molteplici le tasche, è ultra-flat quella sul retro. Chiusure con magneti invisibili. Logo Lacoste in rilievo. – ‘All in one' ultra –flat e multiuso

LACOSTE BY DAY: ‘Mini postina' per le giovanissime che amano essere à la page realizzata nella stampa ersonalizzata Lacoste “tennis ball” – ‘Cross-over in pelle da portare a tracolla, per chi ama indossare sempre una nota di colore. La sagoma del coccodrillo in argento appare magicamente attraverso la pelle traforata. – ‘Shoudler bag” ultra soft in pelle sky blue traforata con tracolla regolabile grazie ad un fermaglio. Elegante il logo coccosdrillo bianco in nichel raffinato con il profilo in argento brillante.

LACOSTE BY NIGHT: ‘Vertical bag' realizzata nel brillante tessuto Piquè Star che intreccia lucenti fili metallici in argento. Per chi non rinuncia alle serate più glam. – ‘Mini-handbag' super-chic in morbida pelle bianca traforata con raffinati profili in argento. In nikel l'elegante logo bianco con coccodrillo. – ‘Mini-pocket' ultra flat e multiuso. Da utilizzare sia come porta trucco da agganciare al moscettone della borsa abbinata, sia come pochette da legare al polso grazie al laccio con chiusura over-long

SHOPPING BAG: ‘Bag-in-bag a forma di pallina da tennis per lo shopping dell'ultimo minuto. Il guscio rigido nasconde infatti una capiente borsa in leggero cotone madras ultra colorato realizzato in una simpatica stampa scozzese. – ‘Flat bag' in scintillante tessuto Piquè Star realizzato in una speciale trama di cotone intessuto con un lucente filo metallico. – ‘Vertical shopping bag' realizzata in cotone color corda. Dal gusto vintage il logo coccodrillo rivisitato. – ‘Tote bag' in pelle rosa invecchiata per non passare inosservati. – ‘Handbag' ultra-light per le passeggiate in centro. Realizzata in tessuto water proof effetto seta. Interni personalizzati con loghi cccodrillo tono su tono ad effetto shining. – ‘Shopping bag' over-large e ultra capiente per una giornata da dedicare agli acquisti.

BEACH & GYM: ‘Vertical bag over-large e ultra-soft grazie al morbido tessuto rigato in spugna “Terry”. Manici ultra-short di cotone coordinati con il colore della borsa. – ‘Beach bag' over- large realizzata in soffice tessuto spugnato a righe effetto college. Morbido il logo coccodrillo over-large centrale. Tessuti interni personalizzati.

GUERRIGLIA PER GOO

Osservate questa azione promozionale di guerrilla marketing a Shibuya in Giappone per il lancio del sito web di GOO portale competitor di Yahoo.

giovedì, gennaio 25, 2007

Pubblicità e Marketing online in Italia

Di seguito riporto un intevista fatta a Maurizio Goetz, consulente di marketing innovativo e comunicazione digitale.

1) Da anni sentiamo parlare dell’anno buono per l’interactive advertising, di cui internet dovrebbe essere la punta di diamante. Il 2006 lo è stato? Lo sarà forse il 2007? Quali sono i criteri per cui possiamo dire che veramente il web advertising non sia più la cenerentola di promozione e pubblicità in Italia?

Le previsioni indicano che ci sarà un’ulteriore crescita del web advertising nel 2007, ma la pubblicità on line smetterà di essere la cenerentola, quando gli investimenti su tutti i mezzi saranno proporzionali al tempo speso dagli utenti su ogni specifico mezzo. Oggi questo non accade ancora.

2) A prescindere dalla percentuale del budget annuale che le granzi aziende italiane (case automobilistiche e banche, per citare due soli settori) dedicano al web advertising, quali sono secondo te le direttrici più utilizzate attualmente (concorsi, advergame, brand con banner in general rotation, dem etc)? E quali pensi che siano invece gli strumenti che non vengono sfruttati adeguatamente?

Non mi piace parlare di strumenti, è fuorviante, occorre domandarci quanto è approfondita la conoscenza sulla comunicazione interattiva e se si conoscono a fondo opportunità e rischi dei diversi strumenti, in modo che essi vengano utilizzato in modo corretto in funzione degli obiettivi strategici che le aziende si sono poste.

3) Si è sempre detto che il web aveva ed ha delle barriere di ingresso – per gli advertisier – molto più basse rspetto ai media tradizionali (soprattutto mass media come TV e radio nazionali) e che questo sarebbe stato un vantaggio per una società di microimprese come l’Italia. Di fatto, pare che non ci sia stata questa ”corsa al web” da parte delle PMI e soprattutto delle microimprese e delle imprese familiari. Secondo te quali sono i motivi di questo parziale insuccesso che ha seguito lo sboom del 2000?

Non parlerei di insuccesso, i dati presentati allo IAB FORUM 2007 indicano un utilizzo di strumenti della rete anche da parte delle PMI. Il Search Engine Marketing ad esempio è alla portata di quasi tutti. La vera domanda è perché i grandi marchi investono ancora così poco in rete?


4) Una volta che le grandi aziende dedicheranno non solo più soldi, ma anche più energie per il web advertising, non prevedi che le piccole aziende si vedranno nuovamente (come prima del 2000) occupati tutti gli spazi pubblicitari? Se anche la FIAT fa il pay per click, quale potrà essere il vero vantaggio competitivo del sito di un concessionario di auto usate di provincia?

Non ci dimentichiamo che la rete non è un medium da pianificare. Ci sono moltissimi modi di comunicare in rete, non esiste solo il web advertising. Le aziende più creative trovano ogni giorno nuovi modi di comunicare in rete.

5) Non credi che l’idea di “perfetta misurabilità” del web adv abbia portato, come conseguenza principe, il fatto che dal web si chiede ancora solo direct response (anche un semplice lead a una newsletter che non leggerà mai nessuno) a discapito della dimensione più sana e comunque “storica” della pubblicità, ovvero il branding, dove gli strumenti di misurazione dell’efficacia di una campagna debbono ancora passare attraverso ricerche di mercato?

Si questo è in effetti accaduto. Ci vuole un equilibrio tra una comunicazione più emozionale ed un marketing più misurabile.

6) Una provocazione: non credi che tanto del gap che ancora divide la pubblicità offline da quella online sia dovuto ad uno “storico” intreccio tra commerciali, agenzie media, concessionarie e direttori marketing (per non dimenticare art director e copywriter) che trovano nel web un possibile “intralcio” a pratiche di compravendita degli spazi e di appalti?

Personalmente credo che il vero problema sia il ragionare a compartimenti stagni sia nelle agenzie sia nelle imprese. Questo modo di lavorare è oggi del tutto anacronistico.


Fonte: Business Online



Secondo Trade Doubler nel 2007 gli investitori pubblicitari dovranno apportare dei cambiamenti nelle loro strategie di marketingSecondo quanto prevede TradeDoubler (società che si occupa del marketing online e delle soluzioni per la vendita) nel suo comunicato stampa ufficiale, il 2007 vedrà dei risvolti nel settore marketing: Internet sarà un valido strumento per la promozione del brand, gli investitori dovranno essere flessibili e veloci per essere in linea con il Web 2.0 e si assisterà allo sviluppo della pubblicità locale.

Gli investitori si sono resi conto da tempo che il modo in cui gli utenti raccolgono le informazioni sta cambiando: non più in televisione, ma attraverso Internet. Si tratta di una realtà consolidata e per questo motivo coloro che lavorano nel settore della pubblicità devono apportare dei cambiamenti nelle strategie di marketing e investire nella pubblicità online. Al centro dell’obiettivo da colpire ci sono le persone che navigano in Rete e che avranno un grande impatto sulla scelta del brand e sul modo in cui verranno recepiti.

I dipartimenti pubblicitari, inoltre, dovranno essere flessibili nei confronti dei cambiamenti repentini a cui sono sottoposti i nuovi media. Dovranno, quindi, «acquisire capacità di adattamento e velocità di risposta, il che potrebbe avere un impatto sul tipo di advertising che vedremo sul Web».

Infine, gli esperti di marketing saranno influenzati dalla recente tendenza degli utenti della Rete di cercare siti che rispondano ai propri interessi personali: per questo motivo si rivolgeranno ad un pubblico di nicchia attraverso la pubblicità locale.




mercoledì, gennaio 24, 2007

Uno strumento innovativo nel Marketing Sportivo

Domenica 21 gennaio, allo Stadio Olimpico di Roma, la società Sportfive, concessionaria dei diritti commerciali della SS Lazio, in collaborazione con la società biancoceleste ha presentato lo speedball, un sistema di rivelamento della velocità del pallone.

DaihatsuUn accordo tra Sportfive e la Daihatsu, infatti, permettera' agli spettatori di conoscere la velocita' del pallone nelle occasioni dei tiri piu' interessanti, la velocità dei tiri appare sui maxischermi dello stadio in tempo reale e sul sito internet della SS Lazio il giorno dopo la partita.

La Daihatsu, societa' automobilistica giapponese che quest'anno festeggia il centenario dalla fondazione, ha deciso di puntare sulla società biancoceleste nell'ambito di un rapporto di partnership che oltre allo Speedball prevede la visibilità del marchio sui Led Luminosi e sui Line-Up Tv Panel, l'azienda giapponese negli ultimi tempi ha registrato un piu' che positivo trend di crescita nella vendita delle proprie automobili in Italia e nel resto dell'Europa.

I led luminosi, che segnalano la velocita' dei tiri scagliati in porta dai giocatori (sopra i 60 km/h), sono inseriti nella sagoma dell'automobile 'Materia', l'ultima nata della gamma Daihatsu, una monovolume compatta dall'abilita' straordinaria. Le automobili sono posizionate all'altezza dei calci d'angolo in modo da poter essere facilmente visibili dagli spalti e dal pubblico televisivo.



martedì, gennaio 23, 2007

I 20 prodotti innovativi del 2006

Ecco i venti prodotti innovativi eletti Prodotto dell’Anno 2006 attraverso il Gran Premio Marketing e Innovazione

Consumatori italiani e prodotti innovativi, un rapporto d’amore e odio. Lo rivela una ricerca di TNS Infratest realizzata per il Gran Premio Marketing e Innovazione 2006.

Come ha sottolineato la ricerca, condotta su un panel di 8000 famiglie, gli italiani riconoscono l’impegno dell’industria nel lanciare nuovi prodotti, ma allo stesso tempo sono severi nel giudicare l’effettiva portata della loro innovazione: il 65,8% degli intervistati dichiara infatti di non riscontrare grandi differenze tra i nuovi prodotti e quelli già presenti a scaffale.

Tuttavia, se un prodotto si rivela in grado di soddisfare le sue esigenze, lo shopper non bada a spese per acquistarlo.
Ma quali sono queste esigenze?
Tre le principali: un miglior rapporto qualità/prezzo (66,1%), il fatto che si tratti di prodotti naturali (54,2%) o che migliorino la salute (44,2%).

Seguono, nell’ordine, il risparmio di tempo (19,4%), il fatto che abbiano più sapore e gusto (17,5%), che portino un’innovazione a livello di tecnologia (16,3%), che si possano portare con sé ovunque (12,1%), che divertano (5,3%).

Caratteristiche queste che si ritrovano nei venti prodotti innovativi eletti Prodotto dell’Anno 2006 attraverso il Gran Premio Marketing e Innovazione.

Il premio, alla prima edizione in Italia, è nato 20 anni fa in Francia, dove è emerso da una ricerca IRI che i prodotti “eletti” registrano un incremento medio delle vendite dal 10 al 40%, con una permanenza media sullo scaffale superiore rispetto agli altri.

La serata di premiazione, che si è svolta a Milano, è stata aperta da Simonetta Flores e Dominic Nouyrit amministratori delegati di Marketing e Innovazione Italia, la società che organizza il premio, i quali hanno posto l’accento sulla genesi del premio e i benefici di cui potranno godere i vincitori, a partire dall’utilizzo del logo “Eletto prodotto dell’Anno”.

I venti prodotti giudicati più innovativi per le singole categorie:

- pesce

Pescanova filetti di merluzzo in porzioni

- condimenti e salseBuitoni Sughi Monoporzione
- merendeFerrero Nutella & Estaté
- piatti prontiSanta Lucia Croccarelle
- salutisticiParmalat Linea Jeunesse
- bevande salutisticheVitasnella thè e pesca-arancia
- detersiviSoflan liquido Marsiglia
- vita attivaOral B Brush Aways
- cura casaAjax sgrassatore
- infanziaJohnson’s Baby Softwash Extracare
- bagnoPalmolive Bagno Thermal
- docciaPalmolive Doccia Thermal
- spazzoliniMentadent White System
- dentifriciMentadent White System
- cura personaInfasil Intimo Lenitivo
- deodoranti per l’ambienteOust Spray
- casalinghiBraun Multiquick Fresh System
- uomoGilette M3 Power
- cura visoOil of Olaz siero e crema rigenerante anti-età con filtri UV
- ultra frescoDanone Nuovo Yogurt Intero

giovedì, gennaio 18, 2007

Iveco sponsor All Blacks

L'Iveco sponsorizzera' nei prossimi quattro anni la formazione neozelandese di rugby degli All Blacks. Lo ha detto a Montecarlo l'ad Paolo Monferino, illustrando le strategie della societa' torinese. "Con questo accordo - ha precisato Monferino - vogliamo creare valore per il nostro marchio in tutto il mondo". All'incontro e' presente l'ad del Lingotto, Sergio Marchionne, oltre ad una delegazione della squadra.
Bel colpo dell'azienda italiana che con questa sponsorizzazione vuole mettere un piede nel mercato mondiale identificandosi in 4 valori:

PERFORMANCE - DETERMINAZIONE - AFFIDABILITA' - SPIRITO DI GRUPPO

I valori in cui si rivedono i mitici ALL BLACKS

Vi consiglio di fare un giro nel sito creato per la sponsorizzazione ALL BLACKS-IVECO

dove potrete trovare anche interviste, immagini, download

mercoledì, gennaio 17, 2007

Michael Schumacher testimonial di Fiat Scudo

Per il lancio del Nuovo Scudo il brand Fiat Veicoli Commerciali ha scelto un altro spot pubblicitario di forte impatto e realizzato dall’agenzia Leo Burnett. Infatti, dopo aver fatto “lavorare”, in occasione del lancio del Nuovo Ducato a giugno 2006, alcuni calciatori campioni del mondo sotto la guida severa del mister per eccellenza Giovanni Trapattoni, ecco oggi un altro grande personaggio dello sport, Michael Schumacher, cimentarsi con mestieri non proprio “vicini” al suo normale ambito professionale.

È proprio il campione della Formula 1 che, appena ritirato dalle competizioni, si domanda che cosa farà da pensionato, probabilmente continuerà a lavorare, come ha sempre fatto, magari cambiando auto. È questa la linea di comunicazione del Nuovo Scudo, che prosegue nella strategia di mettere alla prova i grandi campioni dello sport con i mestieri di tutti i giorni. Questa volta è proprio Michael Schumacher che, con grande simpatia e spontaneità, presenta il Nuovo Scudo svolgendo con naturalezza alcune attività professionali. Del resto chi è abituato a lavorare in auto non può che apprezzare le doti di comfort e maneggevolezza da vera automobile del nuovo veicolo commerciale Fiat: infatti, Nuovo Scudo è “l’auto che lavora”.

martedì, gennaio 16, 2007

Microsoft rilancia sito per Advertising solutions

Microsoft digital advertising solutions, la nuova concessionaria pubblicitaria di Microsoft, lancia un nuovo sito che ha come protagonista la pubblicità online.

Completamente rinnovato nella grafica e nei contenuti, il sito (http://advertising.microsoft.com/italia/) offre agli investitori pubblicitari una panoramica completa e approfondita su tutte le opportunità di advertising Microsoft che comprende utili informazioni su tutti i prodotti adv disponibili oltre a tool avanzati per una pianificazione ottimale delle campagne online.
L’home page del sito invita gli investitori a scoprire gli scenari della 'nuova era' della pubblicità online inaugurata da Microsoft digital advertising solutions esplorando il set di soluzioni di digital marketing e di comunicazione offerte dal network di canali MSN e dai servizi Windows Live come Windows Live Messenger e Windows Live Spaces. Un percorso ricco di contenuti accessibili in modo e facile e immediato grazie a una chiara strutturazione dei contenuti attraverso molteplici sezioni tra cui: Advertise, Ricerche e Creative Inspiration.
Ogni mese il media network online di MSN.it raggiunge un’audience di oltre 18 milioni di consumatori. L’home page di MSN.it attrae ogni giorno più di un milione di persone, mentre i canali tematici di MSN.it catalizzano l’attenzione di un bacino di utenti altamente targettizzati e profilati in base a preferenze, interessi e comportamenti online e offline. Infine con Windows live messenger, il sistema di messaggistica istantanea più diffuso al mondo, si entra in contatto con oltre 6,6 milioni di utenti ogni mese.

fonte: Pubblicità Italia

Profilattici TULIPAN spot Argentino

Tulipan

Ha la genialità e l’irriverenza di un film comico di successo questo piccolo spot argentino dei profilattici. Tenere a controllo le proprie pulsioni sessuali è un argomento sentito dai giovani. Ed è raccontato in modo esilarante in questa storia di un pene molto esigente che spinge il protagonista (con la faccia perfetta) a inseguire le ragazze. Il pene animato urla oscenità sul tram, lo butta giù dal letto al mattino per andare a caccia di donne, finchè viene ammutolito da uno dei profilattici Tulipan. L’idea è talmente forte che ci si potrebbe realizzare un serial.






e per continuare sul tema....

Dolce & Gabbana Real Lovers

Per chi non lo avesse visto.....o dimenticato lo spot di Dolce & Gabbana Time molto...imbarazzante.....

Sorreggersi ad un messaggio pubblicitario

Semplice, efficace e straordinariamente esperenziale.
E' la campagna di Iwc realazzata sui bus navetta dell'aereoporto di Berlino per il lancio del modello Big Pilot.
Non è da meno l'iniziativa di Fitness Company in diversi vagoni della metropolitana di Francoforte.
sito della IWC

lunedì, gennaio 15, 2007

Simone Moro in un videoblog

RMG Connect ha realizzato il videoblog che permetterà di seguire in diretta la Baltoro Winter Expedition di Simone Moro, alpinista estremo di fama mondiale. Moro cercherà di scalare per la prima volta nella storia il Broad Peak (8.047 m) e il K2 (8.611 m) in solitaria e d’inverno, con temperature che raggiungono i -50° e venti di 160 km/h.
L’avventura impegnerà Simone Moro per quasi due mesi, a partire dallo scorso 27 dicembre, e potrà essere seguita garzie a Canon. Moro avrà a disposizione una reflex digitale EOS 20D, una compatta digitale Power-Shot G7 e una videocamera HV10. Con quest’ultima, la più piccola hd al mondo, Simone potrà girare un film in alta definizione che potrà essere presentato a concorsi internazionali di cinematografia oltre a essere trasmesso su reti nazionali. La spedizione sarà raccontata giorno dopo giorno sul sito/piattaforma www.extremehd.net. Sarà possibile leggere il resoconto della spedizione e avere accesso ogni giorno a immagini, video e file audio caricati da Simone attraverso un’interfaccia strettamente funzionale dedicata all’upload dei dati. Inoltre, attraverso un sistema di tracciamento satellitare aggiornato ogni 15 minuti, sarà possibile visualizzare il percorso di Simone Moro in 3D su Google Earth e nella Google Maps integrata al blog.
La piattaforma tecnologica che seguirà in tempo reale la scalata è stata interamente realizzata da RMG Connect, co-sponsor della spedizione. Il progetto è stato concepito da Massimiliano Maria Longo (responsabile Creative Strategy), Davide Boscacci (copy e responsabile creativo), Alessia Casati (art director) ed Enrico Foschi (software engineer) con il supporto di Giovanni De Medici (responsabile Comunicazione Online Canon).

Vi consiglio di andare a fare un giro sui siti www.extremehd.net

http://www.simonemoro.com/


venerdì, gennaio 12, 2007

Yahoo continua la sua espansione

e compra My Blog Log

Prosegue a passo spedito lo shopping di Yahoo! nell'ambito del social networking. L’espansione all'insegna del Web 2.0 era iniziata con l'acquisizione di Flickr e proseguita poi con Del.icio.us e Upcoming tutti siti che gestiscono grandi comunità di internauti. Questa volta il motore di ricerca ha comprato MyBlogLog. Il nuovo acquisto è un servizio di social networking che permette di mettere in contatto gli autori e i lettori dei blog, consentendo la creazione di community intorno ai siti di maggiore interesse. Il tool più noto della start up MyBlogLog permette di vedere i voti degli utenti e degli ultimi visitatori, ma il sito monitora in senso più lato anche le altre comunità della blogosfera. La società, fondata nel 2005, era guidata da Scott Rafer, Eric Marcoullier e Todd Sampson. Ora tutti e tre sono entrati a far parte del team di Yahoo!

Arrivano gli ascolti sulle satellitari

Svolta nella vicenda Auditel. Il giudice Chindemi ha ritenuto congrui gli sforzi tecnici e metodologici effettuati da Auditel per adeguarsi agli indirizzi delineati dall’Agcom e ha posto fine all’inibizione alla pubblicazione dei dati disaggregati sull’ascolto delle satellitari messa in atto dal giudice Lamanna in seguito al ricorso di Sitcom. Plaude al risultato Auditel, attraverso il presidente Giulio Malgara , Sky si dichiara soddisfatta del risultato ottenuto.
E ora? Nel calendario di Auditel (che fa partire le settimane alla domenica) il 5 febbraio - con la piena operatività del cambiamento nella ricerca e le sigle degli editori sui contratti per la pubblicazione dei numeri - dovrebbe essere la prima data utile per l’avvio della nuova era. Con disponibili i dati di Sky, Fox, Jetix, Rai e di molte altre emittenti...La causa Auditel-Sitcom continuerà a seguire il suo corso, ma la revoca della sospensione cautelativa dei dati disaggregati cambia lo scenario. La Corte d’Appello motiva la propria decisione con diversi fattori: la presa d’atto che l’Agcom non ha rilevato profili di inattendibilità della metodologia utilizzata da Auditel, l’impegno della stessa Auditel a effettuare gli ‘allineamenti tecnici e metodologici’ richiesti dall’Agcom, e infine l’ampliamento del cda di Auditel, con l’ingresso di cinque nuovi amministratori, fra cui uno o più rappresentanti dell’Agcom. Le reazioni sono varie, ma generalmente positive. Per Giulio Malgara, presidente di Auditel, “dall’ordinanza emergono gli sforzi tecnici e metodologici compiuti da Uditel e una valutazione positiva del suo operato”. Tullio Camiglieri direttore della comunicazione di Sky esprime grande soddisfazione “perché questa decisione è quella che Sky ha sempre auspicato in questi mesi”. Valter La Tona, presidente di Sitcom, ricorda di non aver voluto ostacolare l’iniziativa di Sky, ma sottolinea che “per ora tutte le famose modifiche di Auditel sono solo dei ‘faremo’, delle buone intenzioni. Manteniamo le nostre riserve, e proseguiamo con la causa, perché riteniamo che il danno c’era e c’è ancora. Quanto alla pubblicazione dei nostri dati, non la escludiamo. Valuteremo”. Francesco Nespega, managing director di Jetix, esprime soddisfazione e aggiunge: “In questo processo è ovviamente importante che vengano distribuiti i dati di tutte le emittenti satellitari per permettere un confronto tra loro in termini di performance di ascolto. Ci aspettiamo ora che Sky inviti tutti gli editori dei canali della piattaforma ad adeguarsi in tal senso”. Jaime Ondarza, ad di Tbs Italia, invita gli altri editori a “non gettare la spugna, perché non sono ancora sufficienti la trasparenza dell’indagine e la rappresentanza degli editori satellitari nella governance di Auditel, che è nata per i grandi ascolti”. Ondarza sarebbe favorevole alla pubblicazione dei dati di Tbs solo “alle condizione che noi editori abbiamo chiesto”. Infine Disney Tv Italia fa sapere che è favorevole alla pubblicazione del proprio dato, “perché non abbiamo niente da nascondere e anzi vedremo sicuramente confermata la leadership nel target bambini”, ma esprime riserve su Auditel, “che va aggiornata e migliorata”.

giovedì, gennaio 11, 2007

Spot Heineken

Per chi non avesse avuto la possibilità di vederlo in TV ecco lo spot della birra Heineken, per rimanere in tema invernale.

Tra gli spot del 2006 lo trovo uno dei più simpatici, e che richiama come ogni buon intenditore di birra il piacere di berne una belle fredda.
A breve tanti altri incredibili spot; cercherò di recuparare il tempo perduto.

P.S.: hai uno spot particolare che vuoi vedere?

Street 3D Illusion

Julian Beever ha fatto disegni sui pavimenti per più di 10 anni ormai, lavorando in Gran Bretagna, Belgio,Francia, Olanda, Germania e negli USA. Ad oggi la sua arte di strada è usata da " Adverstisement people" che credono in questa forma di comunicazione che potremmo definire "Street art 3D Illusions".
Vi consiglio di visitare il sito e fare un giro è molto simpatico...


Outdoor alternativo


Questa pubblicità è stata realizzata per le vie di Vienna da Demner, Merlicek & Bergmann (Austria) per promuovere le tende da doccia Momax. La creatività ha vinto il Golden Award al festival della pubblicità di Montreux.
Trovo che sia stupenda e che questo è quello che alcune aziende stanno facendo per distinguersi dal banale: trovare la novità per stupire il pubblico.

Daylife Vs. Google


E’ partito il nuovo portale di informazione online che raccoglie notizie da tutto il mondo. Si chiama Daylife e sfiderà le pagine di news di Google. Il suo fondatore, Michael Arringtono, vuole far diventare il nuovo portale il numero uno in fatto di notizie selezionando e organizzando gli articoli sullo stile della rivale Google. Il progetto ha coinvolto importanti finanziatori tra cui spicca il nome del New York Times ma anche di importanti protagonisti del web come Craig Newmark (fondatore di Craigslist) e uno dei creatori del Podcasting, Dave Winer. Il punto di forza sta nell’organizzazione degli articoli e in una maggiore usabilità delle pagine da visitare. Chi per esempio vuole leggere un articolo sulla Palestina può trovare collegamenti agli articoli su Mahmud Abbas, Olmert e Mubarak. In questo modo ogni articolo diventa il punto di partenza per nuove letture.
Mi sembra essere molto interessante....

Marketing e Innovazione, due fattori critici per la competitività

Questo cambiamento, che coinvolge non solo la Pubblica Amministrazione ma anche le imprese e le loro risorse, richiede un management pro-attivo in grado di interpretare anche i segnali deboli provenienti dal mercato per programmare in anticipo cambiamenti strategici. Da qui l'esigenza di rafforzare i contenuti di marketing strategico e le competenze necessarie per realizzare in modo efficace i processi di innovazione con attenzione a scenari di mercato, metodi e competenze di management.Il Sistema Italia è in crisi sin dalla fine del “boom economico” (metà degli anni sessanta), anche se la svalutazione continua della lira ha fatto sì che solo pochi se ne siano accorti. La crisi, incancrenitasi negli anni, è emersa in tutta la sua magnitudo all’inizio di questo millennio anche grazie al cambio di moneta ed alla solidità dell’euro. Le sue origini non sono dovute solo a fenomeni congiunturali (causa secondaria), ma sono varie e dipendono da cause molto più importanti: prevalentemente carenza di visione strategica, di investimenti e di miglioramenti strutturali. Per eliminare alle radici le “vere” cause primarie e superare questa crisi congenita sono necessari interventi di cambiamento ed innovazione che partano da un'attenta analisi dei bisogni del mercato, per poter valutare l'opportunità di soddisfarli in modo profittevole.

fonte:
Oscar Pallme
Consulente di Business Strategy & Management (www.pallme.com),
Segretario Generale AISM - Associazione Italiana Marketing (www.aism.org)

mercoledì, gennaio 10, 2007

Euro RSCG Worldwide proclamata Global Agency 2006

Euro RSCG Worldwide è stata proclamata la miglior agenzia globale del settore del 2006: a decretarlo sono state le riviste di riferimento nel settore dell'advertising negli Stati Uniti, Advertising Age, e in Gran Bretagna, Campaign.

Advertising Age ha annunciato che Euro RSCG Worldwide è la '2006 Global Agency of the Year'. L'agenzia è stata selezionata in base a una serie di criteri quali la crescita del business internazionale, la leadership e l'innovazione concepiti dal management, oltre alla creatività e all'efficacia delle campagne di marketing realizzate per i propri clienti. L'annuncio segue la scelta operata il mese scorso da Campaign che ha indicato Euro RSCG Worldwide come Advertising Network of the Year, evidenziandone la forte leadership del suo management e il numero di gare vinte in tutto il mondo.

"Il 2006 è stato un anno eccellente per l'agenzia ed è estremamente gratificante che ciò venga riconosciuto dai media di entrambe le sponde dell'Atlantico - ha affermato David Jones, ceo globale Euro RSCG Worldwide -. Noi crediamo che un'agenzia possa essere globale e, al tempo stesso, creativa e questi riconoscimenti sono una conferma che ciò è possibile".

Negli ultimi 18 mesi Euro RSCG Worldwide ha fatto registrare una crescita di 3 milioni di dollari nel settore new business attraverso la vincita di nuove gare e l'espansione di business già esistenti. Tra i nuovi budget acquisiti Veolia, Reckitt Benckiser, e Sanofi-Aventis, così come quelli di EDF Energy in Francia, Alcatel-Lucent, Danone, Disney Theme Parks, LG, Harley Davidson, e Dell. Inoltre i budget di The Benefiber (Novartis) e Vivendi sono cresciuti.

martedì, gennaio 09, 2007

Prima Campagna Advertising Elumin8

Sono contento che finalmente Elumin8 si è potuto far conoscere in Italia grazie alla campagna di affisione di Havana Club a Roma e Milano. E' importante che anche in Italia si cominci finalmente a guardare in avanti e a cercare nuove tecnologie che possano aumentare la visibilità e l'impatto visivo per il cliente finale. Ormai utilizzato in quasi tutta Europa questo sistema è stato portato in Italia dalla società Hadrintech di Andrea Sau che si sta sviluppando sempre di più nella ricerca di nuove tecnologie adattabili alla comunicazione. Sperando che questo sia solo il princiopio dell'ingresso in Italia di una nuova cultura volta a trovare e sperimentale nuovi strumenti e nuove tecnologie che aumentino l'impatto visivo.

Elumin8



Elumin8
Elumin8
Elumin8
Elumin8

Allora auguri alla Hadrin Tech e auguri al Dott. Andrea Sau per questo suo progetto.
Di seguito troverete alcuni articoli di settore al riguardo ma chi fosse interessato a saperne di più può contattare anche l'interessato alla mail: andrea.sau@elumin8.com.

Buona lettura

lunedì, gennaio 08, 2007

Creatività: il tuo nome sui muri

Se avete voglia di divertivi a scrivere i vostri nomi sui muri e su quant'altro vi venga in mente senza rischiare di essere arrestati fate un giretto su questo sito e sbizarritevi.

Pietro

Clicca qui: Letterjames


See you later...

B[Log], Crazy Marketing Blog

Per curiosità ed apprendimento, ecco un mio piccolo consiglio sul mondo del marketing e della comunicazione: andate a visitare questo blog



Crazy Marketing BlogSono certo che lo troverete di vostro gradimento, vista anche gli argomenti trattati comodamente divisi per categorie, la grafica rinnovata e la creatività spesso "crazy" che lo caratterizza.

I blog e la blogosfera

Come si può leggere in questo articolo i Blog sono diventati importantissimi e credo che ogniuno di noi dovrebber averne uno, il problema è farlo bene e io in questo 2007 ho deciso di lavorarci sopra anche grazie al mio amico Leonardo (Crazy Marketing Blog) che mi darà una mano...


Cento milioni di blog a metà del 2007


BlogosferaI blog stanno diventando sempre più influenti dei media tradizionali. Lo dice uno studio di Gartner secondo cui i diari online raggiungeranno quota 100 milioni durante la metà del 2007. Secondo Gartner il numero di blog guadagnerà il picco massimo durante la metà del 2007, stabilizzandosi intorno ai 100 milioni. La crescita deve tuttavia tener conto anche delle circa 200 milioni di persone che hanno già abbandonato i propri blog in rete. Il fenomeno sociale dei diari personali resi disponibili e aggiornati in Rete in tempo reale, è esploso negli ultimi anni, contribuendo a diffondere "una democrazia digitale tramite lo scambio di parole, immagini e video che finisce per influenzare i consumatori sia nelle decisioni d'acquisto che nel campo dell'informazione", secondo quanto riferito in un comunicato da Maria Teresa Trifiletti, responsabile di Lewis PR in Italia.

giovedì, gennaio 04, 2007

Anno nuovo, vita nuova, nuovo blog!

Il 2007 si preaanuncia come un anno ricco di cambiamenti a cominciare dal mio: ho cambiato lavoro da qualche mese e questo cambiamento mi ha portato a riprendere in mano la situazione del mio blog trascurato per un pò di tempo a causa di un susseguirsi di lavori impegnativi che mi hanno preso full time.

In ogni caso ben tornati, e come potete vedere ho deciso di iniziare a prenderlo sul serio.


newsletternewsletter










da Sport Five, la Newsletter della SS Lazio.



newsletternewsletter